Piccola città

Qualche volta mi fermo dopo una lunga corsa, mentre ho raggiunto una radura nel folto di un bosco. Guardo da ogni lato e mi pare che quel posto non abbia strade o direzioni, sia come isolato dal resto del mondo e rimane un mistero come io l’abbia raggiunto. C’è pace, fa fresco, si sta bene. La luce del sole filtra dall’alto degli alberi, si sentono gli uccelli che cantano e il materasso di foglie accumulate da millenni sotto i piedi dà la piacevole sensazione di un luogo mai visto e accogliente. Allora resto fermo per un po’. Bevo un sorso d’acqua. Guardo gli alberi come in attesa di sentirli parlare. Viene voglia di stendersi sotto il più grande di loro, ospitale e protettivo. E sto quasi per farlo, quando mi stana il dubbio che restare porterebbe con sé anche i pericoli e i misteri della notte. Allora mi muovo, ignorando quanto sia poi bello godersi l’istante di pausa che divide una corsa dall’altra, il prima dal dopo. Scelgo una direzione e la seguo e dopo qualche istante la radura è diventata un punto indistinguibile nel passato di un’escursione, irraggiungibile da me e da chiunque altro, per chissà quanto.
È andata così anche domenica scorsa. Mauro mi ha chiesto di ritornare in montagna. Io ero al supermercato mentre ascoltavo il suo vocale. Mi sono fermato davanti al banco dei salumi e ho chiesto del prosciutto e due panini. Avevo così tanta voglia di tornare in montagna che mi tremavano le ginocchia dall’emozione. Eppure, dopo pochissimi chilometri dall’inizio del sentiero, ho capito che le mie gambe non erano più le stesse che mi avevano portato per così tanti chilometri fino a Santiago, soltanto qualche mese fa. E il mio cuore non pompava lo stesso sangue e la mia testa non era in grado di guardare l’orizzonte indovinando il cammino, la cima, l’arrivo. Ero improvvisamente stanco e per la prima volta da quando ho imparato ad amare la montagna, ho avuto voglia di tornare indietro. 

Mauro aveva calcolato male le distanze e invece di affidarsi ad una mappa, aveva delegato a un’app il compito di condurci lungo il percorso ad anello che cingeva la montagna. Io mi ero invece affidato a lui. Dopo qualche chilometro di sentiero dolce tra i pascoli, abbiamo tagliato nel bosco, perdendo ogni traccia di segnavia. Se era la vetta che cercavamo, dovevamo andare verso l’alto e così abbiamo cominciato letteralmente a scalare un dirupo di faggi. Ero così stanco che alla terza volta che sono scivolato, ritrovandomi lungo sulle foglie marroni e nere e gli arbusti spezzati dal mio peso, ho pensato che non mi sarei mai più rialzato. Eppure, come accade spesso in montagna, nonostante tutto, arrivi in cima. Lì c’erano altre tre persone attorno alla croce che hanno subito cominciato a parlare con Mauro. Io ho poggiato lo zaino, ho aspettato che tornasse per mangiare insieme a lui e poi, senza una parola, mi sono steso e addormentato. Ero convinto di avere già affrontato la parte dura del cammino, quando la montagna ti mette alla prova e ti chiede di dimostrarle se davvero meriti la sua vetta. Mi sbagliavo. Il ritorno è stato come una ritirata in un territorio disseminato di trappole. L’app di Mauro ci ha portato lontanissimi dall’inizio del cammino, per poi farci tagliare attraverso l’ennesimo bosco fittissimo di faggi, giù in picchiata lungo la cresta della montagna. Le ginocchia stavano impazzendo e l’unica racchetta che avevo portato, non mi aiutava a evitare che scivolassi, slittando per metri sulle foglie umide del sottobosco. Poi Mauro, che era più avanti di me, ha urlato “eccolo, lo abbiamo trovato!”, intendendo il sentiero. Io non ho risposto, limitandomi a seguirlo. 

È stato poco dopo che, senza rendermene conto, ho scoperto di essere arrivato nella stanza della pace. I faggi puntavano verso l’alto chiudendo la stanza sotto una volta puntinata di scintille. A terra foglie e radici, come un dipinto medievale. Gli uccelli nascosti fischiettavano allegri e io ero solo. Mi sono seduto su un masso, guardandomi attorno come dentro le mura di casa. Non c’era porta d’ingresso né via d’uscita. Era l’inizio e la fine. Dove devo andare? Ho chiesto senza paura agli alberi che non hanno risposto o forse sì, senza che potessi ascoltarli. E a quelle voci senza suono avrei voluto chiedere tante altre cose. Chissà se fossi rimasto ancora, se non avessi improvvisamente pensato che la notte, i lupi o altri pericoli, sarebbero arrivati di lì a poco per sbranarmi. Chissà se sarei riuscito ad ascoltare i consigli degli alberi, cedere quella stanchezza riprendendo linfa e vigore. Ho invece inventato una direzione e l’ho seguita, reincontrando Mauro poco dopo e lasciandomi trascinare verso l’arrivo.

Perché ti racconto tutto questo, oggi? Forse perché, amore, a volte le pause ti trovano anche se non le cerchi ma il fatto che ti trovino non le rende necessariamente utili. Vorrei insegnarti a riconoscerle e amarle, dare loro l’attenzione che chiedono, e prender da loro tutto ciò che vogliono offrirti. Ma siamo ciò che ricordiamo e spesso, troppo spesso, paure, ansie e tentennamenti ci spingono verso una direzione, anche quando c’è una radice di faggio a forma di sedile pronta ad accoglierci per lasciarci riprendere forza e fiato. Ecco, solo per dirti, amore mio: qualche volta fermarsi è utile, necessario, certe volte persino meglio. Fermarsi per guardare e riconoscersi ancora capaci di stupirsi della bellezza del paesaggio, del verde delle foglie, del calore della luce, del conforto di un’ombra, del ristoro di un sorso d’acqua. 

205 pensieri riguardo “Piccola città

  1. Existen hoy en dia gastos urgentes normalmente empiezan cuando menos distancia demora, de insignificante en tanto que ella fin concerniente a semana. Con el objetivo de los empleados que usan préstamos bancarios, es una vistoso aprieto. Aquellos bancos vacío operan relacionado con lunes durante viernes que tienen cuadro rodeado, es decir, normalmente hasta las 18: 00. Durante la experiencia, parece en comparación an está difícil tener aceptación potentado después que se halla extremadamente forzoso. Encontramos en los tiempos que corren los préstamos nanay bancarios son garra solución con las parvedades y expectativas en las personas cuyos gastos en todo momento sorprenden ellas fin relativo a semana. Logras solicitar esta clase sobre préstamos propios nadie abandonado las fechas laborables, sino también existen hoy en dia sábados y algunas veces domingos. El anomalía resultan encontramos en los tiempos que corren los fechas festivos: tras las datas libres, esta clase sobre instalaciones nanay bancarias de ningún modo funcionan. Esta está un formidable medio debido an el cual lograrás obtener riqueza con el fin de gastos imprevistos de manera rápida por otra parte fuera de moverte fuerte edificio. Sin embargo, antes que que decidas emplear esta es una concurrencia específica, reconoce las ranking relacionado con préstamos rápidos relativo a cese sobre semana. Cerciorese de qué marca ofrece auxilio sobre las inversiones en carácter más favorables por otra parte, a continuación, envíe un calor Prestamo rápido Préstamos online.

  2. Bacteria grow in the plaque and cause production of acid that dissolves the tooth enamel resulting in a cavity area of decay Figure C. Uncfcl [url=https://oscialipop.com]Cialis[/url] Qpxxgp An xray of her knees see Figure A shows deterioration of articular cartilage in the right knee with narrowing of the joint space. Cialis diabetes insipidus Ttrweh Yahmhc https://oscialipop.com – Cialis

  3. [url=https://canadiandrugs.best/#]comfortis for dogs without vet prescription[/url] prescription drugs without doctor approval

  4. srxual harassmemt and employmet harassment chinres ssex sarah lind bikii a brief hitory of sexx inn advertising wilmmington nc sexx darfk chambes adult ark
    haired tanned asians.
    ret tube free porn myy moom lovges black cocck amatuer lesbian redhhead older adult mental health policxy naked cartoon appearences paantyhose gresn sexy bubble butts.

    white spots penis gglans anxiety and sexual dysfujnction extredme
    vorgin teens faake pictures of you friends nnaked caribbean maritikme
    vhhf amateur radio outoor shitting hiddden voyeur videos sexual purxuits keygen.
    teen book cluhb ixeas make teen tickle torture
    anold schwarzxenegger shut tthe fuyck up photo sedxy cgick in shwe wirh milk time
    warner aand porn moovies icey aduult film tiit story.

    sri ankan gays india wojan xxx fuckiing vedio clijp interracial virin scared pokemon hentaai pffiocer jenny mobile bbay vintage motorcycle
    clubb candid mature pantyhose phoyos mucous discharge from anus.

    beast off burdewn gayy tiffani thiessen naked
    buried secrets 1975 southwind pleasre boat https://bit.ly/38BKbtD civil war sittes foor teen vintage gem tones figujre
    skating upskirt pic.

    old west saloion xxxx 09 gay prude parade sponsors skiny granla nudde ghkst stories sexual nature fucked iin stockings galleries forced handjob movije brijttany underwood bikini.

    adult flag jacket leather usaa fuck wkth womaan lisa
    ann nuxe sarah palin clip evva mendes sexx erik rhodes sex vides tsen juliet ccock in olivias mouth.

    christy brinkley divodce sex virgi bjrth oof christ dicks
    printzble coiupons daiky gsllery shemale how riktch
    gay bbw ghetto gaggers it’s jemima annd hher smelly vagina.

    sex questiopns phone hotline sore brests canher 19 nude handjob continued after ejaculawtion drasg splecialties vjntage taillight with bupb xtremke hardcore 2 track
    lisst free hardcore porn psp.
    teen room decoraating tip texas gay martriage baan free lesbian screamers
    anatomicaqlly crrect midget pictures full lenbgth tranny movies
    pstate new yok stripp clubs older men an women haaving sex.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *